In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Lo Scandalo Scientology: Capitolo 11, la verifica di sicurezza sessuale e criminale

© Di Paulette Cooper. Il libro del 1972 che ha fatto storia per la gravità delle ritorsioni e delle molestie contro l'autrice da parte della chiesa di L. Ron Hubbard.

© Traduzione a cura di Simonetta Po, primavera 1998.

 
 
«Ti incalzano, ti ripetono la stessa domanda infinite volte finché non riveli quello che vogliono sentire. Non puoi nascondere nulla. Alla fine ti rendi conto di aver raccontato ogni genere di segreto a una persona completamente estranea, di cui non conosci il carattere o l' integrità» 
 
(dichiarazione di una persona sottoposta a un security check - ristampato da Howard e Arlene Eisenberg nel numero di giugno 1969 di Parents)
 
 
Sono molti gli aspetti delle session di auditing che agevolano il preclear nel rivelare all'auditor molto più di quanto vorrebbe. 
 
Il preclear è posto sotto la direzione dell'auditor, certe domande gli vengono proposte ripetutamente e senza sosta, ed è collegato a una macchina che crede funzioni come un "rivelatore di bugie" [E-Meter]. Perciò non c'è da meravigliarsi se il preclear perda il controllo di alcune delle sue  normali difese. 
 
Oltre alle informazioni che i preclear, posti in queste circostanze, rivelano "in maniera volontaria", possono temere di essere ricattati perché durante i cosiddetti security check [controlli di sicurezza] in molti hanno rivelato informazioni piuttosto intime su se stessi e sulle loro abitudini sessuali. E qui non si tratta di perdere il controllo: bisogna per forza rispondere a queste domande altrimenti si rischia di essere sbattuti fuori da Scientology. 
 
Questo security check viene fatto di routine prima del secondo livello di auditing, e in varie altre occasioni in cui si sono presentate difficoltà, ad esempio quando una persona vuole indietro i suoi soldi o desidera lasciare il gruppo. 
 
[...] 
 
Il security check si fa collegando il preclear all'E-Meter. L'interrogatore o auditor verifica che il meter funzioni correttamente, testando come la persona reagisce: "Sei sulla luna? Sono uno struzzo? Hai mai bevuto acqua? Questo è un security check?" 
 
Le domande ricadono in tre categorie principali, nonostante siano presentate apparentemente a caso: criminali, crimini contro Scientology e fatti o misfatti sessuali. 
 
Alcune domande sono congegnate in modo tale che la gente confessi i suoi scopi più altruistici, ad esempio "Come potresti aiutare l'Org?... Gli altri?... Come aiuteresti l'umanità?", ma questo costituisce meno del 5 per cento dell'intero test. La maggior parte delle domande ricade nelle altre categorie, ad esempio: "Hai mai fatto qualcosa che tua madre si vergognerebbe di scoprire?" 
 
Le domande che hanno come oggetto dei crimini costituiscono la parte più estesa del test, e la persona deve rivelare se ha mai rubato, saccheggiato, scippato, falsificato, se si è appropriata indebitamente di fondi, falsificato libri, se sia mai entrata illegalmente in un paese, stata in prigione, denunciata, accusata di guida pericolosa o di omissione di soccorso, abbia mentito in tribunale, comprato testimonianze, incendiato dolosamente, se sia mai stata tossicodipendente o abbia spacciato droga, commesso omicidio volontario, piazzato bombe, assassinato, nascosto un cadavere, tentato il suicidio, si sia suicidata [nelle vite passate], abbia indotto qualcuno a suicidarsi, rapito una persona, contrabbandato, fatto l'informatore, tradito qualcuno per denaro, speculato con i fondi di qualcun altro, minacciato con un'arma da fuoco o posseduto un'arma illegalmente, complottato per distruggere un familiare, storpiato una persona, commesso illeciti, reati gravi o offese al capitale, evaso le tasse, falsificato denaro, alterato in modo fraudolento certificati e documenti, se sia pazza o abbia casi di follia in famiglia. 
 
Ci sono anche domande sul "passato militare" della persona, ad esempio se abbia mai rubato alle forze armate, sia stata deferita alla corte marziale, abbia disertato il servizio militare ecc. 
 
[...] 
 
Hubbard scriveva: "Stiamo per iniziare un security check. Non siamo moralisti. Riusciamo a cambiare la gente. Non siamo qui per condannare. Se non possiamo garantire che i fatti rivelati in questo check saranno tenuti segreti per sempre, possiamo prometterti in buona fede che nessuna parte o domanda a cui risponderai verrà consegnata alla polizia o allo Stato. Nessun Scientologist testimonierà mai contro di te in tribunale per motivi o risposte collegabili a questo security check . Questo security check serve unicamente agli scopi di Scientology. Il solo modo in cui puoi fallire questo check è di rifiutarti di farlo, non rispondere fedelmente alle domande o se sei qui per danneggiare consapevolmente Scientology. La sola punizione per il fallimento di questo check è il [sottoporti a un] procedimento, o il nostro rifiuto ad assumerti o a rilasciarti dei diplomi, e questo accadrà solamente se scopriamo che stai danneggiando consapevolmente Scientology. 
 
Puoi passare questo test: 
 
1) accettando di farlo 
2) rispondendo fedelmente ad ogni domanda 
3) se non sei un membro di un gruppo soppressivo che cerca di distruggere Scientology" 
 
Di seguito continuava stabilendo che la persona veniva bocciata all'esame se si rifiutava di farlo o se "ogni domanda importante o compromettente" continuava ad avere una reazione sospetta all'E-Meter dopo essere stata ripetutamente posta. 
 
Mentre è provato che l'auditor dica al preclear che "non possiamo garantire... che tutti i fatti rivelati in questo test saranno tenuti segreti per sempre", c'è qualcosa che non gli viene detto. Su questo security check esiste infatti un'ulteriore direttiva di Hubbard, che afferma: "Tutti i fogli relativi ai security check svolti devono essere inviati a Saint Hill, completi di tutti i riferimenti e i motivi per cui la domanda fatta non è stata chiarita subito qualora fosse importante, gli aspetti che non sono stati risolti e se la persona ha passato il test oppure no." 
 
Pochi preclear si rendono conto che i loro segreti più intimi vengono inviati al quartier generale di Scientology in Inghilterra - che sarebbe un po' come se un prete mandasse copie delle confessioni, complete di nomi, in Vaticano. Chi si sottopone a questo test lo deve anche pagare, e c'è stato un caso che ha richiesto 23 ore perché, nonostante la persona insistesse di aver rivelato tutto, in Scientology l'E-Meter è considerato sempre infallibile. 
 
Hubbard prescriveva ai suoi auditor di "sospettare sempre in modo bestiale e di non credere all'umanità o al diavolo - solo al meter." 
 
Decifrare l'E-Meter può tuttavia diventare complicato, visto che può avere svariate reazioni, che Hubbard chiamava ad esempio "Theta Bop" (ago danzante), "Rock Slam" (movimento irregolare) ecc. Ma aggiungeva che in ogni caso una caduta dell'ago significava sempre: "Oh oh... mi ha preso!" 
 
Per cui, ad esempio, se un preclear nega di aver mai praticato il cannibalismo [anche questa è una domanda che viene posta - NDT] e l'ago cade, chi controlla il meter deve riproporre la domanda in modi diversi finché la persona ammette di averlo fatto. Ma che cosa accade se la persona in maniera evidente non ha mai praticato il cannibalismo, non ci ha mai pensato, non l'ha mai progettato, e il meter continua a registrare una reazione? Piuttosto che pensare che la macchina stia sbagliando, si cercherà di determinare se il preclear abbia mai praticato il cannibalismo in qualcuna delle sue vite precedenti. 
 
Una delle cose che gli Scientologist hanno fatto per migliorare la loro immagine è stata quella di annunciare, il 29 novembre 1968, di aver cancellato il test di sicurezza "come forma di confessione", e la policy di disconnessione "per quelli che vengono repressi in famiglia". 
 
I soppressivi apparentemente esistono ancora, ma adesso si dice che vengano trattati maneggiandoli o persuadendoli, piuttosto che con la disconnessione o l'ostracismo. Questo è certamente un segno di speranza e potrebbe indicare un cambiamento generale nella loro politica. Sarebbe comunque poco saggio dimostrarsi troppo ottimisti, dato che nel passato gli Scientologist hanno abbandonato le direttive impopolari per poi riesumarle subito dopo. 
 
Ad esempio, periodicamente hanno garantito l'amnistia a tutti i soppressivi - una volta per la celebrazione di John Mc. Master divenuto Clear, una volta per il compleanno di Hubbard e via dicendo. Ma in seguito hanno dichiarato soppressiva altra gente, e riapplicato la direttiva. - lo stesso Ray Buckingham, l'insegnante di canto dichiarato soppressivo, è stato amnistiato a patto che spendesse 200$ in corsi di Scientology. 
 

Renderti disponibile la traduzione del libro che stai leggendo ha comportato diverse ore di lavoro gratuito. Contribuisci a difendere questo sito e il suo importante ruolo informativo facendo una una

Il rapporto australiano ha evidenziato inoltre la tendenza degli Scientologist a sostenere di aver modificato le loro direttive o che certe non si facessero più. Al Consiglio dichiararono ad esempio che molte procedure non venivano più usate, altre non erano così lunghe o intense come potevano sembrare... e che le session dimostrative condotte all'inizio dell'Inchiesta non potevano essere considerate pienamente rappresentative dato che erano... ecc. 
 
Il Consiglio non si fece imbrogliare da questi tentativi di presentare un'immagine annacquata di Scientology. Infatti proprio dietro l'angolo c'erano nuove tecniche e teorie di Hubbard: 
 
 

«Una volta che questa inchiesta sarà finita avverrà la resurrezione di tutte le attività perniciose che hanno portato Scientology all'appuntamento con questo Consiglio, se solo potrà trovare un numero sufficiente di vittime da sfruttare»
 

Speriamo che Il Rapporto Australiano si sbagli. 

 
 
 
INDIETRO   INDICE   AVANTI
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it