In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Lo Scandalo Scientology: Capitolo 14, business o religione?

© Di Paulette Cooper. Il libro del 1972 che ha fatto storia per la gravità delle ritorsioni e delle molestie contro l'autrice da parte della chiesa di L. Ron Hubbard.

© Traduzione a cura di Simonetta Po, primavera 1998.

 
 
«L. Ron Hubbard non si considera un patriarca, un papa, un vescovo e neppure un anziano. 'Io controllo l'operazione' dice 'come un manager generale controllerebbe l'andamento della sua azienda'»
 
(da un'intervista di Hubbard al The Saturday Evening Post)
  
 
Gli Scientologist ripetono in continuazione che Hubbard non fa soldi con Scientology, perché quanto ricava lo dona all'organizzazione per la ricerca. 
 
Se questo è vero, allora bisogna dar credito agli Scientologist di aver speso un'enorme quantità di denaro in ricerca, perché Hubbard ha spesso ricevuto un tributo pari al 10% dal reddito lordo delle Chiese. In aggiunta a questo, un tempo imponeva un'imposta addizionale del 5% alle Org lente nei pagamenti, e in una occasione pretese dalle Chiese di mandargli "tutti i soldi extra che avete in giro". Dove questo denaro vada poi a finire non è mai stato molto chiaro. 
 
I seguaci assicurano che non lo usa a scopo personale, e non sembrano chiedersi se le sue numerose case, automobili, barche ecc. siano veramente necessarie all'operazione Scientology. La fede degli affiliati è tale che nelle Org nessuno appare particolarmente turbato nel vedere Hubbard e sua moglie in una foto che li ritrae accanto alla loro auto, con la didascalia che dice: "Ron e Mary Sue con la loro Jaguar." 
 
La ricchezza di Hubbard potrebbe in parte derivare dalla pubblicazione degli almeno trentacinque libri che ha scritto su Dianetics e Scientology. Ne scrive uno ogni sei mesi, ne vende 6-9.000 copie e si rifà delle spese di stampa nel giro di otto giorni. 
 
Uno di questi libri, Dianetics: La Scienza Moderna della Salute Mentale, il più insistentemente pubblicizzato dei suoi lavori, dalla sua apparizione ha venduto un milione e mezzo di copie [la ricerca della Cooper è stata fatta negli anni 1970-72 - NDT]. Inoltre Hubbard fa spendere alle Org 10.000$ nell'acquisto di suoi libri (5.000$ in contanti). In caso contrario, chiamandolo "un tradimento ai danni dell'umanità", dichiara il Segretario Esecutivo dell'Org (il cui compito è di comperare i libri) in  condizione di "Non Esistenza". 
 
[] 
 
Gli Scientologist promuovono un numero notevole di articoli speciali in un opuscolo chiamato Expand, il cui titolo sembrerebbe non avere niente a che fare con le potenzialità della mente. 
 
Expand non solo pubblicizza i libri di Hubbard ("ORDINA IL PIÙ ALTO NUMERO POSSIBILE DI LIBRI SENZA PREOCCUPARTI DELL'EFFETTIVO CONSUMO E RIVENDILI"), ma anche film di Hubbard, ("COMPRA ORA QUESTI FILM E FAI ESPLODERE LE TUE STAT A PROPORZIONI INCREDIBILI"), nastri ("The Org Board and Livingness," "The Missed Missed Withhold"), certificati di matrimonio, battesimo o funerale della Chiesa (che sono legali in molti Stati), lattine per l'E-Meter del buon vecchio zio Hubbard (vendute a più di 126$ nonostante il governo nel 1963 abbia stabilito un costo di produzione di soli 12,50$), adesivi per le auto, sciarpe di Scientology, spille, distintivi per i maglioni, gemelli da polsino, fermacarte, orecchini e autoritratti di L. Ron Hubbard per soli 5,35$ l'uno ('La tremenda beingness, forza e profondità di comprensione di Ron si rivela in tutta La Sua Magnificenza.") 
 
[...] 
 
Molta gente pensa che Hubbard abbia trasformato la "scienza" di Dianetics nella "religione" di Scientology per evitare le molte tasse e difficoltà finanziarie che li stavano affliggendo. 
 
Lo stesso figlio di Hubbard, mentre dichiara che Scientology si è espansa "indirizzandosi all'essere", ammette che è stata fondata come religione perché "c'era più spazio... in confronto a una struttura corporativa"; e che vi sono certi vantaggi fiscali, il più grande dei quali è l'esenzione [dal pagamento delle imposte sugli introiti]. 
 
Ma gli aspetti religiosi non hanno soltanto permesso a Scientology di non pagare le tasse, ma anche di evitare le azioni legali - o "persecuzioni", come preferiscono chiamarle - che minacciavano Dianetics. La legge concede molto spazio alle religioni, che non sono costrette a convivere con gli standard ristretti di altri gruppi. 
 

Renderti disponibile la traduzione del libro che stai leggendo ha comportato diverse ore di lavoro gratuito. Contribuisci a difendere questo sito e il suo importante ruolo informativo facendo una una

La religione ha inoltre aiutato Scientology a reclutare nuovi membri. La prospettiva che sia una religione conferisce all'organizzazione un senso di rispettabilità, spesso rafforzata dai Reverendi della Chiesa che possono indossare abbigliamento clericale completo di collarino, gilè, abito nero e una croce "più grande di quella dell'Arcivescovo di Canterbury", come uno scettico londinese l'ha descritta. 
 
Hubbard scriveva che gli aspetti religiosi hanno anche un'altra funzione: "La società concede agli uomini di Chiesa di accedere a luoghi non permessi ad altri. Carceri, ospedali, istituzioni... non possono che dare il benvenuto agli uomini di Chiesa." Non solo la religione permette agli Scientologist di insediarsi in certi posti, ma anche di uscirne: uno Scientologist di New York, sostenendo di essere "uno studente del sacerdozio di Scientology", riuscì a sfuggire alla leva, nonostante il suo caso sia attualmente in appello. 
 
[...] 

 
 
 
INDIETRO   INDICE   AVANTI
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it