Rundown del Rundown di Purificazione
 
In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Rundown del Rundown di Purificazione [*]

All'indomani dell'11 settembre 2001, a New York fu aperta una clinica per trattare con il "Rundown di Purificazione" Hubbard gli operatori intossicati durante i lavori a Ground Zero. Questo articolo del 2007 spiega in che cosa consiste il programma, anche punto centrale della disintossicazione Narconon, e perché la clinica non dovrebbe ricevere finanziamenti pubblici.

© Di John DeSio, New York Press, 6 giugno 2007.

© Traduzione a cura di Simonetta Po, gennaio 2014.

 
[*] Gioco di parole tra il senso dato da Scientology alla parola "rundown", cioè programma, e uno dei significati della parola inglese "rundown": in rovina, rovinato, finito.

«Non sono qui per convertire a Scientology questi uomini e queste donne. E le dirò di più: sono scientologist da 20 anni. A Sacramento sono lo scientologist che ha portato più gente nuova in Scientology. Io personalmente. Sono molto bravo a convertire la gente, quando voglio farlo.»

Jim Woodworth è il direttore del New York Rescue Workers' Detoxification Project [programma disintossicante degli operatori di soccorso di New York] e si stizzisce all'idea che il suo programma sia un braccio della Chiesa di Scientology. Ribadisce che il suo gruppo è assolutamente e totalmente laico, per averne conferma basta dare un'occhiata alla dichiarazione dei redditi e fare quattro chiacchiere con uno qualsiasi dei quasi 800 tra uomini e donne che si sono sottoposti al suo trattamento. La sua missione sul programma, noto anche come Downtown Medical è aiutare gli operatori di soccorso malati, non convertire dei nuovi scientologist. «Il mio obiettivo qui è precisamente lo scopo che ho dichiarato: far sì che gli operatori di soccorso recuperino la qualità della vita. Non è uno scopo religioso.»

Gli operatori di soccorso con cui ho parlato confermano le affermazioni di Woodworth. Nessun paziente che ha partecipato al programma disintossicante offerto dalla Downtown Medical ha detto di essersi visto proporre Scientology o le sue credenze.

La Downtown Medical, clinica che promuove un programma per liberare l'organismo dalle impurità grazie a un regime di sudore e vitamine, ha aperto i battenti nel 2003. Il progetto è destinato unicamente a quegli operatori di soccorso che lavorarono a Ground Zero dopo l'11 settembre e si basa sugli scritti di L. Ron Hubbard, fondatore della Chiesa di Scientology. I suoi dirigenti riconoscono pubblicamente che il programma si basa su un manuale, cioè sul libro Mente sana, corpo sano di Hubbard. Nonostante molti dei primi sostenitori del programma, come l'Uniformed Firefighters Association, cioè il maggior sindacato dei vigili del fuoco di New York, abbiano fatto un passo indietro dopo aver appreso dei legami tra la Downtown Medical e Scientology, altri sono stati più che disponibili a mostrare il loro pubblico sostegno, a partire dall'ex assessore comunale di Manhattan Margarita Lopez.

Durante la campagna elettorale del 2005 per la presidenza del distretto di Manhattan, fu rivelato che la Lopez si era attivata per destinare alla Downtown Medical 630.000 dollari di fondi pubblici. Per contraccambiare il suo sostegno, i fedeli di Scientology avevano raccolto oltre 100.000 dollari per la sua campagna. Il sindaco Bloomberg si disse sdegnato e strigliò pubblicamente la Lopez per i suoi collegamenti con la Downtown Medical. La donna compare in un video promozionale che tesse le lodi al programma.

Da allora si sono visti altri funzionari pubblici felici di schierarsi a favore del programma disintossicante, nonostante le continue obiezioni di Bloomberg. In aprile l'assessore di Queens Hiram Monserrate ha detto di essersi sottoposto personalmente a quel regime disintossicante e di appoggiarlo. Ha poi proposto di dichiarare il 19 aprile "Giornata di L. Ron Hubbard", anticipando la raccolta fondi di Manhattan organizzata da Tom Cruise, scientologist e co-fondatore della Downtown Medical, che ha raccolto 1,3 milioni di dollari.

Joseph Addabbo, assessore di Queens, ha partecipato alla raccolta fondi e ha detto che i critici avevano frainteso, il programma aiuta gli operatori di soccorso e quella dovrebbe essere la priorità numero uno. Ma almeno uno dei funzionari che abbiamo contattato non sapeva di esserne considerato sostenitore, lo ha appreso solo quando gli abbiamo telefonato per questo articolo. Sulla pagina principale del sito della Dowtown Medical appare infatti una citazione di Michael Balboni, ex senatore repubblicano di Long Island e attualmente vice segretario di Pubblica Sicurezza del Governatore Eliot Spitzer. A Balboni viene attribuita l'affermazione secondo cui i risultati del programma di disintossicazione sono «la vittoria definitiva sugli effetti che i terroristi speravano di ottenere.» Una ricerca Google ci indica che quella citazione compare soltanto sul sito della Downtown Medical; una ricerca più accurata nell'archivio Lexis-Nexis (usato dai quotidiani) non riporta alcunché. Balboni non sa spiegare come possa essere finita su quel sito e non ricorda nemmeno di averla detta, non solo a favore della Downtown Medical, ma in generale.

«Non ho idea di dove provenga quella citazione», ci ha risposto quando lo abbiamo contattato. Ci ha detto che alcuni anni fa incontrò dei sostenitori del programma per discutere la possibile apertura di una clinica nel suo distretto. Balboni ha commentato che se i partecipanti si sentivano meglio facevano bene a farlo. Ma che lui personalmente non era un sostenitore del programma e avrebbe chiesto alla Downtown Medical di togliere dal sito la sua frase. «Di sicuro non è una forma di avallo.»

Woodworth ci ha fornito le copie di diverse lettere di sostegno al programma scritte da funzionari eletti e da leader sindacali. Una di esse, del 2004, è del senatore Chick Schumer, ma il suo l'ufficio ci ha fatto sapere che il senatore ha ritirato il suo appoggio.

L'unica approvazione che sta a cuore a Woodworth e agli altri associati della Downtown Medical è però quello dei pazienti, e i pazienti con cui ho parlato si sono detti del tutto convinti di essere guariti dalle loro malattie.

«Quando sono arrivato qui ero molto scettico», ci ha detto Steve Mona, tenente in pensione del NYPD [New York Police Department] che lavorò a Ground Zero dall'11 settembre fino al dicembre 2001. Mona ci ha raccontato che se solo gli avessero parlato di Scientology o avessero cercato di convertirlo era pronto ad andarsene immediatamente. Ma non è mai successo. «Ventisei giorni dopo ero una persona diversa - non solo fisicamente, ma anche mentalmente. E non sono sciocchezze.» Mona ci dice che oggi dorme meglio, sta dimagrendo e si sente molto più ottimista per la vita in generale. E Scientology in questo non c'entra niente. «Morale della favola, adesso di Scientology ne so esattamente quanto ne sapevo prima di iniziare il programma.»

Per lui i collegamenti tra la Downtown Medical e Scientology sono ininfluenti. «Potrebbero anche essere degli adoratori di Satana, ma se l'accordo non prevede l'adorazione di Satana allora è tutto a posto. Mi hanno fatto stare bene.»

Le tossine e il particolato dispersi nell'aria l'11 settembre sono diventati una causa importante per i politici di New York, in particolare per la senatrice Hillary Clinton che ha accusato l'amministrazione Bush e l'Environmental Protection Agency di non aver fatto abbastanza per la sicurezza dei lavoratori, né nel periodo immediatamente successivo all'11 settembre, né in seguito, quando hanno cominciato a manifestarsi i problemi di salute derivati dal loro lavoro a Ground Zero. Per funzionari come la Lopez, Monserrate e Addabbo, la Downtown Medical è proprio ciò di cui i lavoratori come Mona hanno bisogno. Ma il programma si è guadagnato anche una schiera di detrattori.

Dal suo lancio, il grosso delle critiche è collegato all'attore Tom Cruise, grande sostenitore e organizzatore di raccolte fondi che da quando alcuni anni fa ha cominciato a lodare apertamente i benefici di Scientology, ha tenuto alcuni comportamenti bizzarri. Dal saltellare sul divano di Oprah alle voci costanti che avrebbe letteralmente assoggettato alla Chiesa di Scientology la moglie Katie Holmes, ogni mossa fatta da Cruise negli ultimi anni è legata a Scientology e definita "eccentrica" da tutti i media. Perciò, anche il programma disintossicante che Cruise si coccola deve essere eccentrico.

La disintossicazione targata Hubbard, che gli scientologist chiamano "Rundown di Purificazione", prevede l'ingestione di un cocktail di vitamine e olio alimentare, un po' di corsa sul tapis roulant e sudare a profusione in una sauna tenuta a una temperatura di 60/80C , tutto per la durata di circa un mese. Volendo credere allaDowntown Medical, questa combinazione sarebbe una cura miracolosa per molti disturbi. «In sauna i pazienti hanno visto uscire dai pori della pelle un intruglio nero», afferma Woodworth sul sito. «Il loro sudore ha lasciato sugli asciugamani delle macchie rosse, blu, arancioni, gialle e nere. Ci hanno riferito di feci blu o verdi che sapevano odore di fumo - sebbene non fossero stati sul luogo di un incendio da mesi.» Sul sito web c'è una serie di foto di un partecipante che mostra un asciugamano macchiato e gli amministratori del programma sostengono di avere anche altre immagini simili. Sul sito - pieno di racconti sui benefici del programma scritti da operatori di soccorso che avevano lavorato a Ground Zero - si legge che dai pori sarebbero uscite anche schegge di vetro.


Il mito della disintossicazione

Ciò che realmente interessa a Woodworth è l'efficacia del progetto, aldilà del coinvolgimento di Cruise e della percezione negativa della Chiesa di Scientology su cui i media si sono principalmente concentrati. Ma l'analisi della documentazione disponibile e le domande agli esperti rivelano che il programma non è stato sottoposto a sperimentazione scientifica, è stato rifiutato da altre amministrazioni comunali, utilizza quantità potenzialmente pericolose di vitamine e che lo stesso Hubbard ammetteva che non si trattava di una cura medica.

Per questo articolo abbiamo contattato diversi tossicologi di tutto il paese. Ci hanno risposto in undici, anche se alcuni hanno chiesto di restare anonimi per timori di rappresaglie. Di quegli undici, nessuno si renderebbe garante dell'efficacia del programma o lo raccomanderebbe ai suoi pazienti; molti lo hanno definito "pericoloso" oppure "ciarlataneria".

Il corpus di studi che dovrebbe legittimare la disintossicazione Hubbard come cura medica è rinvenibile sul sito web della Downtown Medical e su quello della sua casa madre, la "International Academy of Detoxification Specialists"; altre informazioni compaiono poi nel libro di Hubbard Mente sana, corpo sano e in un altro volume scritto da Hubbard intitolato "The Purification Rundown Series", pubblicato come parte dei "Bollettini Tecnici di Dianetics e Scientology", cioè una raccolta di direttive note agli scientologist come "Hubbard Communications Office Bulletins", o HCOB.

Corpo sano, mente sana è vago. Benché il libro non offra ricette vitaminiche e sia un manuale introduttivo generale al programma disintossicante Hubbard, è pieno zeppo di aneddotica anonima sui risultati positivi del Rundown di Purificazione. L'introduzione è del Dott. David Root e di James Barnes, entrambi membri del consiglio della Downtown Medical; i due citano alcuni studi che dovrebbero dimostrare l'efficacia della disintossicazione ed evidenziano i casi dei soldati tornati dalla prima guerra in Iraq trattati per la Sindrome del Golfo, dei veterani del Vietnam esposti all'"Agente Arancio", e di cittadini kazaki esposti alle radiazioni del disastro di Chernobyl. Affermazioni simili vengono fatte da Hubbard nei suoi HCOB. Naturalmente, tutti i pazienti mostrano incredibili segni di miglioramento.

Ma quando analizzati nel dettaglio, gli studi che dovrebbero testimoniare questo grande successo non soddisfano gli standard di base della ricerca scientifica a cui si deve attenere anche lo studente del corso di biologia di prima liceo. Le dimensioni del campione sono troppo piccole e la ricerca è condotta da parti personalmente interessate alla riuscita del programma. Lo stesso si può dire per la ricerca specifica sull'operato della Downtown Medical. Lo studio linkato dal sito web della clinica è stato condotto da sette persone, quattro delle quali direttamente associate alla stessa, vuoi come consiglieri d'amministrazione, vuoi come dipendenti. Si evidenziano i miglioramenti in sette partecipanti al Rundown di Purificazione, benché si sottolinei che la dimensione del campione è troppo piccola per dare un vero giudizio di efficacia. Per quanto riguarda la faziosità degli autori, in una sua risposta scritta Root ha dichiarato essere del tutto ragionevole che chi si interessa a un particolare ambito di studio faccia ricerca in quel campo, e che l'indipendenza è data dalla pubblicazione su riviste mediche che ricorrono alla revisione paritaria [peer review]. Diversi medici consultati per questo articolo hanno però detto che nessuna rivista medica credibile che si avvale di revisione paritaria ha mai pubblicato un vero studio peer reviewed del Rundown di Purificazione.

Altri studi condotti su gruppi più numerosi, per confermare la funzionalità del programma si sono basati unicamente sui sintomi soggettivi. Il risultato sommario del luglio 2004 postato sul sito web della Downtown Medical elenca miglioramenti in 286 pazienti. Tuttavia, gli indicatori del successo del programma sono decisamente difficili da misurare oggettivamente: diminuzione dei dolori articolari, affaticamento, difficoltà di memoria, irritabilità e irritazione agli occhi. L'affaticamento può essere curato andando a letto prima, l'irritabilità può derivare semplicemente da giornate stressanti sul lavoro.

Per dimostrare i benefici lo studio tiene conto anche della riduzione nel consumo di alcolici, che però potrebbe significare anche solo essere passati da sei a cinque birre la sera oppure la decisione di smettere di bere, che gli alcolizzati si prefiggono ogni giorno anche senza le vitamine e una schvitz [termine Yiddish = sudata. N.d.T.]

Un altro studio firmato da Root e da altre due persone collegate al progetto, allegato alla dichiarazione dei redditi che la Downtown Medical ha presentato nel 2005, cita miglioramenti di altri sintomi del tutto soggettivi. Secondo questo studio, che esamina 484 partecipanti al programma, il 100% dei pazienti ha riferito un miglioramento sia nei "sintomi soggettivi", sia nella "percezione di salute". Inoltre, i partecipanti «hanno avuto una riduzione considerevole dei giorni di lavoro persi dopo l'inizio del programma, oltre a una riduzione delle preoccupazioni di essere costretti al pre-pensionamento.»

Lo studio sostiene poi che la disintossicazione ha le potenzialità per aumentare il quoziente intellettivo di quasi quattro punti, cifra modesta se paragonata a quella che si legge sul sito ufficiale della Chiesa di Scientology: il Rundown di Purificazione farebbe aumentare il QI di 15 punti.

Secondo la Dott.sa Phyllis Gelb, medico della Downtown Medical, il calo di sintomi soggettivi è un modo perfettamente legittimo per misurare il successo del programma. «Molti partecipanti non dormivano da anni, erano depressi, pieni di paure, letargici e instabili; si erano sottoposti a numerosi esami solo per sentirsi dire "non c'è nulla che non va". Poiché non esistono mezzi per identificare la causa di quella sofferenza, allora le dichiarazioni soggettive possono essere l'unica misura di efficacia», ha affermato la Gelb in una risposta scritta.

A parte la parzialità degli autori e la scarsa affidabilità della soggettività personale, negli studi citati esistono due grossi problemi: il primo è la mancanza di un gruppo di controllo, necessario in ogni tipo di sperimentazione. L'esperimento sulla crescita delle felci esposte agli effetti del fumo di sigaretta si fa già alle prime lezioni di scienze delle superiori. Una felce viene continuamente esposta al fumo, un'altra viene tenuta lontana per lo stesso periodo di tempo e alla fine si misura la crescita di entrambe. Per un esempio più adulto si può pensare all'industria farmaceutica, che sperimenta l'efficacia delle sostanze somministrando pillole di zucchero a un gruppo di controllo. Ma non uno degli studi sul Rundown di Purificazione contempla la presenza di un gruppo di controllo, e nel lavoro pubblicato dalla Downtown Medical i gruppi non vengono nemmeno citati.

Woodworth ammette di non avere uno studio controllato. Dice di averne preparato uno, già scritto e pronto per partire, ma di non avere i fondi per portarlo a termine. Root, dal canto suo, sostiene che non esiste la necessità di uno studio del genere. Lui e i suoi ricercatori sanno che il Rundown di Purificazione funziona perciò non c'è bisogno di dare dei placebo a nessuno. Seguire il metodo scientifico non serve.

«Per quanto riguarda i controlli, non è possibile dare pillole di zucchero a un gruppo e chiedere a un altro gruppo di fare ginnastica, andare in sauna e prendere vitamine senza rendere ovvio al gruppo di "controllo" la differente terapia. È stato molto più pratico tenere controllati i partecipanti - cioè monitorare per un certo periodo di tempo le loro condizioni prima di iniziare il programma», ha scritto Root.

Ma per studiare l'efficacia di un programma disintossicante il fattore tempo è uno dei motivi che rende necessario un gruppo di controllo: con il trascorrere del tempo, infatti, l'organismo si disintossica naturalmente da solo senza l'ausilio di cocktail vitaminici e sedute in sauna. Grazie a un processo antico noto come "andare in bagno", gli esseri umani espellono continuamente sostanze chimiche. L'antibiotico che prendi oggi si farà naturalmente strada verso l'uscita. Di solito i farmaci vengono prescritti per un certo numero di giorni proprio perché il loro livello deve restare alto a sufficienza da risultare efficace. Lo stesso accade con le radiazioni: se oggi vieni esposto a radiazioni, tra 30 giorni la loro quantità nell'organismo sarà inferiore.

Non si tratta dell'effetto del metodo Hubbard, ma del modo in cui funzionano le cose. I sostenitori del metodo di purificazione affermano che le tossine possono permanere per sempre nell'organismo a meno di non assumere il cocktail vitaminico e stare per ore dentro una sauna, ma tali affermazioni non possono essere prese sul serio senza misurare il tempo naturalmente impiegato da tali tossine per uscire dall'organismo. Anche solo bere molta acqua può aiutare il processo naturale di disintossicazione. Vale poi la pena notare che prodotti chimici diversi hanno diversi tempi di espulsione naturale, ciononostante la ricerca della Downtown Medical tende a trattare le tossine come una macedonia intercambiabile. Lo studio allegato alla dichiarazione dei redditi non si preoccupa nemmeno di citare i livelli di tossine misurati prima e dopo il trattamento.

«È un mito totale», afferma Stephen M. Pittel, Ph.D., psicologo forense e tossicologo della California. Pittel ha oltre 30 anni di esperienza di studio e ricerca tossicologica e sull'abuso di sostanze; secondo il suo parere, il Rundown di Purificazione è assolutamente privo di merito. La disintossicazione avviene in modo naturale, sostiene, e ciò che i medici fanno, o dovrebbero fare, è trattare farmacologicamente i sintomi della disintossicazione oppure disabituare gradualmente i pazienti alle sostanze tossiche. «Avviene tutto in modo autonomo. Non si deve fare niente, l'organismo si disintossica da solo. Non esiste nulla che acceleri il processo disintossicante.» Pittel fa notare che il metodo di Hubbard si basa in larga misura sulla nozione che le tossine possano permanere all'infinito nei tessuti adiposi umani e che il Rundown di Purificazione possa costringerle a uscire, affermazione che Pittel definisce falsa. La sola cosa che possa costringere le tossine a lasciare i tessuti adiposi è l'esercizio fisico pesante, ma anche in quel caso la riduzione è minima. «La sauna non lo fa di certo.»


Il trucco della niacina

In assenza di un gruppo di controllo, esistono però studi sull'elemento principale del cocktail vitaminico del programma e si è scoperto che esso ha il potenziale per distruggervi l'organismo e forse anche di uccidervi. Il "farmaco delle meraviglie" del programma disintossicante Hubbard non è per niente un farmaco. Al contrario, Hubbard utilizza a una miscela di vitamine dominata dalla niacina la quale, come egli afferma in Corpo sano, mente sana, può avere "stupefacenti" e "benefici" effetti. Nel suo libro, Hubbard raccomanda che il Rundown di Purificazione cominci con l'assunzione di 100 mg di niacina, dosaggio che viene poi progressivamente aumentato fino a un massimo di 5000 mg al giorno nello stadio finale della disintossicazione.

Secondo il Dott. Manoj K. Mittal, specialista in Medicina d'Emergenza al Children Hospital di Filadelfia, assumere niacina in quantità così elevate può essere pericoloso per la propria salute. In uno studio di caso apparso sul numero di aprile degli Annals of Emergency Medicine, Mittal ha riferito di due pazienti adulti e di due adolescenti che manifestarono effetti collaterali gravi dopo aver assunto forti dosi di niacina. Entrambi gli adulti ebbero irritazioni cutanee, mentre i due adolescenti manifestarono reazioni potenzialmente fatali, tra cui tossicità epatica e ipoglicemia (basso livello di zuccheri nel sangue), oltre che nausea, vomito e capogiri. Uno dei due, anche palpitazioni. Tutti e quattro i pazienti si ripresero dopo le cure.

Gli scritti di Hubbard dicono poco su questi effetti collaterali, che sembrano invece essere descritti come sintomi positivi. In Mente sana, corpo sano Hubbard afferma che l'irritazione cutanea, una delle conseguenze della tossicità della niacina, è causata dall'espulsione di radiazioni o di vecchie ustioni solari, quindi dal processo disintossicante. Altri sintomi da sovradosaggio vengono liquidati come il riverificarsi di malattie o ferite precedenti che stanno venendo "restimolate". Effetti come la nausea vengono imputati a squilibri salini o a mancanza di dedizione al programma. La gotta, altro effetto collaterale della tossicità della niacina, viene imputata all'assunzione di olio alimentare rancido e chi manifesta sintomi di gotta dovrebbe "consultare un medico qualificato".

Secondo Mittal, il dosaggio giornaliero raccomandato di niacina è di appena 15 mg, quantità significativamente inferiore di quella prescritta da Hubbard. Mittal, a cui non è stato chiesto di valutare il Rundown di Purificazione per la stesura di questo articolo, cominciò a interessarsi al problema del sovradosaggio di niacina dopo aver visitato un paziente che l'aveva ingerita convinto che, in base a una leggenda urbana sempre più diffusa, servisse a mascherare efficacemente i risultati dei test antidroga. Secondo lo studio di Mittal, digitare "niacina" e "superare il test antidroga delle urine" su Google produceva 84.600 risultati. Se il Rundown di Purificazione e la Downtown Medical promuovono la niacina come strumento per purificare il corpo, le dicerie popolari sostengono che la niacina serve soltanto a nascondere quelle impurità e, secondo Mittal, in realtà sono inefficaci in entrambi i casi.

«La niacina è nota per influenzare i processi metabolici, così circola questa nozione totalmente infondata che essa possa ripulire rapidamente l'organismo da sostanze come la cannabis e la cocaina. Tuttavia, non solo la niacina è inefficace a quello scopo, ma se assunta in grandi quantità è anche pericolosa », dice Mittal, che si è imbattuto in almeno un caso in cui un paziente dovette subire un trapianto di fegato dopo che i forti dosaggi di niacina gli avevano compromesso l'organo.

In una risposta scritta alle nostre domande, Robert Amidon, avvocato e membro del consiglio consultivo della Downton Medical, ha affermato che nel loro programma non si sono mai verificati effetti collaterali avversi, poiché loro prescrivono niacina a rilascio immediato, non prolungato. È quest'ultimo tipo di niacina ad essere stato associato alle conseguenze più gravi del sovradosaggio, come l'insufficienza epatica.

Tuttavia, ricerche mediche indicano che anche la niacina a rilascio immediato, come quella usata nel Rundown di Purificazione, può essere dannosa per il fegato e che gli altri effetti collaterali non sono degli innocui sottoprodotti della disintossicazione.

«La scienza mostra che si tratta di sintomi della tossicità della niacina somministrata in forti quantità», sostiene Saeed A. Jortani, Ph.D., direttore del laboratorio di tossicologia forense del Dipartimento di Patologia e Laboratori Medici dell'Università di Louisville. Jortani aggiunge che il Rundown di Purificazione è "pericoloso" e che la fede, per quanto profonda, non può trasformare quegli effetti collaterali in indicatori positivi. Sottolinea poi che anche gli altri elementi utilizzati nel programma, come la vitamina A e il calcio, possono diventare tossici quando male utilizzati per lunghi periodi. «Quando si tratta di sovradosaggi, l'organismo non guarda in faccia nessuna religione.»

Il collegamento tra niacina e abuso di sostanze va oltre il tentativo di ingannare il datore di lavoro al test antidroga. In Mente sana, corpo sano, Hubbard dedica numerosi passaggi alla capacità del Rundown di Purificazione di ripulire l'organismo dalle droghe e il suo schema disintossicante viene usato da decenni dal Narconon, un programma riabilitativo con forti legami con Scientology che molti critici della Chiesa di Scientology considerano soltanto un mezzo per reclutare alla propria fede le persone indebolite dalla droga. «Narconon è Scientology», afferma David S. Touretzky, attivista della libertà di parola e ricercatore presso la Carnegie Mellon University di Pittsburgh, oltre che critico veterano di Scientology. «Le pratiche del Narconon sono precisamente le pratiche di Scientology.»


Scientology all'attacco

Le critiche alla Chiesa di Scientology sono valse a Touretzky l'inserimento nella lista dei nemici del movimento hubbardiano. Touretzky gestisce Stop Narconon, sito web che riporta gli articoli che i media hanno dedicato al programma antidroga. Narconon è sostenuto da numerosi scientologist da prima pagina. La settimana scorsa John Travolta e la moglie Kelly Preston hanno tenuto una raccolta fondi per l'affiliata Narconon delle Hawaii. L'attrice Kirstie Alley è una portavoce pubblica del programma, e anche Tom Cruise si è espresso favorevolmente.

Le critiche di Touretzky sono arrivate anche nel mondo del New York Press. Alla fine di aprile sul nostro blog sono comparsi numerosi interventi relativi alla Downtown Medical e alla raccolta fondi di Cruise, anche uno in difesa del programma. Touretzky ci ha inviato una risposta, che abbiamo pubblicato per intero. Due giorni dopo, il sito del New York Press è stato hackerato e un anonimo ha postato del materiale pro Downtown Medical e anti-Touretzky. Poco dopo quel materiale è stato rimosso.

Quando Woodworth ha letto la replica di Touretzky ha accusato il New York Press di "tenergli bordone" e ha insistito che valutassimo le critiche rivoltegli da Religious Freedom Watch, sito quasi universalmente ritenuto un gruppo di facciata di Scientology da cui attaccare i critici della chiesa. Woodworth ha indicato specificamente un articolo secondo cui Touretzky ospita sul suo sito web le istruzioni per la costruzione di ordigni esplosivi e lo accusa di essere un razzista. «Se lo citate come esperto, pretendo che diciate esattamente che razza di tipo è», ci ha scritto Woodworth.

Le istruzioni per costruire ordigni esplosivi compaiono veramente sul sito di Touretzky, accompagnate dalla spiegazione di aver deciso di ospitarle come forma di protesta per l'arresto e la condanna di Sherman Austin, sanzionato perché anni fa aveva pubblicato l'informazione sul suo sito anarchico RaisetheFist.com. Touretzky spiega che ora ospita quel materiale per «facilitare il pubblico scrutinio della legge in base alla quale Austin fu accusato», e per far luce sulle questioni relative al Primo Emendamento sollevate dal caso. Il professore fornisce link ad altre risorse che insegnano come costruire ordigni, disponibili grazie a Amazon.com, Wikipedia e addirittura il sito della CNN. Loro non sono stati arrestati, contrariamente a quando accaduto nel caso di Austin.

Per quanto riguarda l'accusa di razzismo, non è stato possibile rinvenire altrove le informazioni diffuse da Religious Freedom Watch. Una ricerca Google ha restituito soltanto dei riferimenti a quel sito, mentre una ricerca Lexis-Nexis ha restituito ancora meno. Pertanto le accuse di razzismo sono state ritenute infondate. «Il copione si ripete identico fin dalla fondazione del movimento hubbardiano», ci dice Touretzky. «Attaccano incessantemente i loro nemici nella speranza che la gente stia zitta e lasci perdere. Ma nell'era di Internet non funziona più così bene.»

Da quando ha aperto nel 2003, la Downtown Medical ha ricevuto oltre 900.000 dollari di soldi pubblici, tra donazioni fiscalmente deducibili e il grosso finanziamento della Lopez. Queste cifre sono disgustose, dice il consigliere comunale di Queens Peter Vallone Jr., che da aprile è una voce critica di Scientology e della Downtown Medical. Vallone ha apertamente definito Scientology una setta e ritiene che i fondi del governo non dovrebbero essere usati per finanziare la clinica. «È una setta oscenamente ricca, potrebbe facilmente finanziarsi da sola quel programma», ha detto Vallone, aggiungendo che i finanziamenti pubblici aiutano la Downtown Medical e Scientology a ottenere una falsa legittimazione.


Narconon e l'inganno Scientology

Mentre la versione newyorkese del Rundown di Purificazione ottiene fondi governativi, Narconon, che usa letteralmente la medesima procedura disintossicante della Downtown Medical, in California s'è visto respingere il suo programma. Narconon ha offerto per decenni consulenze gratuite sulle droghe e programmi riabilitativi alle scuole pubbliche della California. Ma nel 2004, quando le critiche cominciarono a intensificarsi e i suoi collegamenti con Scientology diventarono di pubblico dominio, il distretto scolastico di San Francisco decise di rivolgersi alla San Francisco Medical Society per farsi dare una valutazione indipendente dei meriti del Narconon. Meriti che sono stati ritenuti inesistenti.

Con una lettera del settembre 2004 ai dirigenti dei distretti scolastici, Steve Heilig, direttore della salute e dell'educazione della San Francisco Medical Society, confermò ciò che i critici sostenevano da anni: Narconon non è scienza. Nella sua missiva, Heilig scrisse che lui e altri cinque valutatori del curriculum Narconon avevano concluso che il programma «spesso esemplifica un approccio inaccurato a livello fattuale, datato, non basato sull'evidenza che non è di alcun aiuto agli studenti.»

La lettera di Heilig mise in moto una catena di eventi che portarono alla raccomandazione del 2005 del Dipartimento di Educazione della California, inviata a tutte le scuole pubbliche, di respingere il Narconon in quanto non scientifico, affermazione che il mese successivo fu sostenuta all'unanimità anche dalla California Medical Association. Heilig ci ha fatto notare per e-mail che la sua opinione in merito a Narconon e alla sua mancanza di meriti scientifici non è cambiata. «Non abbiamo trovato prove o motivi per modificare la nostra opinione: Narconon utilizza una "scienza" non accettata da alcun medico o esperto di droghe di fama», ha scritto Heilig sottolineando che il programma della Downtown Medical non è una copia carbone di Narconon, ma «è basato su "principi" simili.» Amidon ha scritto che Narconon e Downtown Medical sono del tutto indipendenti l'uno dall'altra, perciò non è nella posizione di poter parlare per un'altra organizzazione. Root, invece, compare in un nuovissimo documentario finanziato e prodotto da Scientology e studiato per attaccare le BBC, in cui sposa i benefici del Narconon.

I collegamenti tra la Downtown Medical e Narconon, al pari di quelli di altre organizzazioni con forti legami con la Chiesa di Scientology, sono piuttosto evidenti. Tre dei membri del consiglio consultivo della clinica citano in biografia l'esperienza con Narconon, mentre altri membri annoverano l'affiliazione alla Association for Better Living and Education (ABLE) o alla Foundation fod Advancements in Science and Education (FASE). Narconon è diretto dall'occhio vigile di ABLE, che Touretzky afferma essere stata fondata per creare un cuscinetto tra la Chiesa di Scientology e le sue organizzazioni di "beneficio pubblico", governate in anni precedenti direttamente dalla Chiesa di Scientology. FASE fu smascherata come gruppo di facciata di Scientology da Robert Vaughn Young, ex portavoce della chiesa che prima di morire nel 2003 era diventato un attivista anti-Scientology.

Sia FASE che ABLE hanno ricevuto soldi dalla Downtown Medical per il sostegno dato al programma di purificazione. In base alle denunce dei redditi più recenti, nel 2004 e 2005 la clinica ha versato a FASE 215.166 dollari per l'aiuto nell'istituzione del progetto, parte di un contratto che prevede un pagamento a FASE basato sul bilancio complessivo del programma. ABLE ha con la Downtown Medical un piano di pagamento più diretto. Secondo i documenti fiscali, la clinica versa all'Associazione il 5% di ogni contributo che riceve, «in cambio del sostegno manageriale, sul programma e nelle raccolte fondi.»

Amidon contesta l'idea che la Downtown Medical versi alla ABLE o a FASE degli importi significativi e parla di quei pagamenti come di costi di impresa. «Il Progetto a volte incarica ditte esterne perché è un mezzo più efficiente per raggiungere i suoi obiettivi. Questo lavoro ha riguardato campagne per la raccolta fondi, la redazione di richieste di finanziamenti e altri servizi di supporto amministrativo. Sono servizi commissionati all'esterno a un costo inferiore», ha scritto Amidon.

Benché sia operativa a New York, la Downtown Medical è ufficialmente registrata come "International Academy of Detoxification Specialists" con sede a Los Angeles. In base alle indicazioni fornite da GuideStar, una borsa dell'informazione no-profit, la missione del gruppo è condurre e sostenere la ricerca nel metodo disintossicante Hubbard «per verificare gli effetti della contaminazione chimica ambientale, l'esposizione professionale e l'abuso di sostanze». Il suo obiettivo è praticamente identico a quello di FASE, che ha sede nello stesso edifico su Wilshire Boulevard, uffici a fianco.

Sebbene siano stati in seguito corretti per togliere ogni riferimento al fondatore di Scientology, i documenti costitutivi aziendali di FASE, istituita nel 1981, affermavano esplicitamente che la missione del gruppo era "promuovere le opere di L. Ron Hubbard".

Quando si pubblicano i suoi testi, la Chiesa di Scientology può dimostrarsi molto ostile. Nel 1995 querelò il Washington Post e due suoi giornalisti per aver pubblicato degli estratti dei suoi manuali di "thetan operante". Nonostante la potenziale minaccia di querela, forse riportare un passaggio di Mente sana, corpo sano è il modo migliore per riassumere il motivo preciso per cui il Rundown di Purificazione non deve essere considerato una cura medica. Sulla pagina dei copyright del volume, si legge infatti che «Il programma di Purificazione non può essere interpretato come una raccomandazione di natura medica o curativa e non si fa nessuna asserzione che esso sia un trattamento fisico né si avanza alcuna pretesa a tale effetto. Non vi sono suggerimenti medici o asserzioni per il programma di Purificazione o per alcuna delle vitamine o dei regimi minerali descritti in questo libro.» [Riportato verbatim dall'ed. italiana del 1990 - N.d.T.] Il libro usato come bibbia del metodo Hubbard, quello su cui la Downtown Medical basa i suoi trattamenti medici, ammette candidamente che il Rundown di Purificazione non è una medicina e non si dovrebbe assolutamente pensare che lo sia. Gli HCOB di Hubbard fanno affermazioni simili. In uno di essi, l'autore consiglia agli amministratori del suo programma disintossicante di farsi firmare una liberatoria a conferma che il cliente ha preso atto che non si tratta di un trattamento medico. Nella prefazione di Mente sana, corpo sano, Root e Barnes scrivono che Hubbard non ha mai inteso attribuire valenza medica al Rundown di Purificazione. Il procedimento è puramente spirituale.

Quando oggi abbiamo chiesto all'autore della prefazione il motivo per cui un dottore dovrebbe vedere un qualche valore medico nel programma, visto che addirittura il suo creatore non lo faceva, Root ci ha risposto così: «Posso parlarne dalla mia posizione di specialista certificato di medicina del lavoro. Per chi opera nel mio settore, il problema del carico organico è enorme, una delle maggiori sfide mediche emerse nel XX secolo. I benefici del programma - costituito da elementi quali l'esercizio fisico, la sauna, i supplementi vitaminici e i minerali - sono ben compresi da chi presta assistenza [caregiver]. Quasi tre decenni di esperienza clinica hanno mostrato che il programma porta sollievo a chi è entrato in contatto con inquinanti chimici, non è invasivo ed è sicuro.»

Nei suoi HCOB, Hubbard ricollega il Rundown di Purificazione alla spiritualità; afferma infatti che le tossine danno stimolazioni negative, impedendo così di diventare dei bravi scientologist. Hubbard scrive poi che il Rundown di Purificazione dovrebbe essere seguito dall'auditing, procedimento che dovrebbe riportare alla memoria i ricordi di questa vita e delle vite precedenti, e passo più importante per diventare scientologist. Amidon ci ha scritto però che il suo programma è totalmente laico e che alla Downtown Medical non si fa auditing.

Il lavoro di traduzione di questo articolo ha comportato alcune ore di lavoro. Contribuisci a difendere questo sito e il suo importante ruolo informativo offrendo una pizza a chi ha lavorato anche per te.

Touretzky non si mostra sorpreso che i patrocinatori del Rundown di Purificazione cerchino di sostenere entrambe le posizioni, quella spirituale e quella medico-scientifica. «È un classico di Scientology: cerca sempre di tenere il piede in due scarpe. I suoi scritti sono pieni zeppi di gergo dal sapore scientifico, poi fa marcia indietro e dice "non potete accusarci di abuso della professione, questa è una cosa spirituale".»

I medici e gli specialisti non associati alla Downtown Medical a cui abbiamo chiesto un parere ci hanno rilasciato commenti molto duri. Un dottore ci ha scritto che, «nella migliore delle ipotesi», il Rundown di Purificazione «è una ciarlataneria da "olio di serpente".». Un altro ha commentato che «è una vagonata di stupidaggini». Tuttavia, un medico che ci ha chiesto di restare anonimo ha scritto che se gli si mostrasse una ricerca condotta in modo scientifico che confermasse le affermazioni di Hubbard, sarebbe lieto di accettare il programma come trattamento medico legittimo. Ma oggi come oggi quei dati non esistono, e il Rundown di Purificazione non funziona. «Intrattenersi in sauna è decisamente piacevole», ci ha risposto. «Ma non credo che la scienza lo ritenga efficace.»

Quando abbiamo riferito all'assessore Vallone la cifra totale dei finanziamenti pubblici ricevuti nel corso degli anni dalla Downtown Medical, ha commentato: «È una vergogna.» In settimana ha inviato una lettera a John Carmichael, presidente della sede newyorkese della chiesa, in cui si dice preoccupato per la "storia controversa" di Scientology. Se la chiesa è così convinta della bontà del programma, dovrebbe essere lei a finanziare la Downtown Medical, non i contribuenti. Mancanza di riscontri scientifici dovrebbe andare di pari passo al rifiuto di finanziamenti pubblici, ci ha scritto Vallone auspicando che i suoi colleghi si esprimano allo stesso modo. «Nessun politico responsabile dovrebbe dare il suo supporto», ha commentato. «Non dovremmo conferire legittimità a una setta.»

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non è consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it