In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Il mio soggiorno a Flag, la Mecca di Scientology

Andy Porter racconta la sua costosa esperienza alla Mecca di Scientology per ottenere l'idoneità al livello OT7: «È un racket estorsivo». Di © Andy Porter per il blog Something Can Be Done About It, 7 marzo 2015.

© Traduzione di Simonetta Po, marzo 2015.



Il mio soggiorno a Flag, la Mecca di Scientology

© Di Andy Porter, 7 marzo 2015. © Traduzione di Simonetta Po.

PRESENTAZIONE DI MIKE RINDER:

Conosco Andy da moltissimi anni.
Era una vera leggenda per tutto il lavoro fatto per diffondere Scientology in Russia e nei suoi molti satelliti. Andy ha veramente definito il termine "pioniere". Fu un eroe ignorato che fece molto VERO lavoro dietro le quinte e che alla fine venne celebrato con la Medaglia della Libertà della IAS. [...] La sua storia è lunga e sarà sicuramente difficile (e probabilmente di scarso interesse) per i non-iniziati. Ma è scritta bene e riassume ciò che molti altri mi hanno raccontato, perciò che so farà risuonare molti lettori. Ed è puntuale e tempestiva, come scoprirete alla fine.


Le prime luci dell'alba filtrano dalla finestra assieme a una brezza fresca. Svegliarsi al mattino è quasi essere sott'acqua e nuotare verso l'alto, la superficie e il concetto di luce attirano la mia attenzione. Mentre la coscienza riemerge comincio a fare il punto della situazione. È come immergere il dito nella vasca da bagno per verificarne la temperatura. Dove sono? Come sto? Oggi che cosa mi aspetta? Va tutto bene o finirò in un mare di merda? Dentro di me so che le cose vanno male, ma cerco di scacciare il pensiero sperando che questa realtà svanisca come la nebbia sotto il sole cocente...

Non ho questa fortuna. Il profondo senso di disperazione e la premonizione che qualcosa di brutto stia per accadermi avvolgono la mia anima come viticci. Sto dormendo in una stanza d'affitto a Clearwater, è un semplice materasso sul pavimento, non disagevole. Percepisco l'umidità intorno e sento il profumo della Florida. La realtà di dove sono mi viene sbattuta in faccia. I miei sforzi per negare questa realtà sono falliti.
Porca puttana.
Un altro giorno d'inferno.

La mia prima botta d'ansia riguarda il cibo. Non ho fame ma devo presentarmi agli interrogatori riposato e a stomaco pieno. Mi riempio la pancia di uova e pane e cerco di schiarirmi la mente.
Sono di umore... cupo, sconfortato, assolutamente non felice né spensierato. La mia emozione prevalente è la paura, o forse il termine più adatto è terrore.

Nel mio profondo, dove nasce la coscienza, so che sono depresso e infelice per la mia "terapia", ma non riesco a prendere in considerazione quei pensieri. L'indottrinamento fa effetto: tutta l'infelicità che provo è colpa mia. Tutte le idee che la mia sofferenza derivi in qualche modo dalla Chiesa dimostra soltanto quanto io sia profondamente aberrato.

Questi sentimenti di tristezza vengono soppressi così alla svelta che quasi non me ne accorgo. Pesano fortemente alla periferia della mia coscienza, ma non vengono mai riconosciuti. Mi preparo e mi faccio dare uno strappo al Sand Castle. Entro nel palazzo e saluto un po' in giro mentre salgo le scale per il NOTS HGC. Mi registro allo sportello e mi siedo. Fisso le palme fuori dalla finestra e faccio di tutto per non pensare. Pensare è una brutta cosa, preoccuparsi è anche peggio. Essere semplicemente qui. Guardare al lato positivo: sono qui nella Mecca di Scientology in attesa di cominciare il livello più sacro di Scientology, OT 7. Dovrei essere la persona più felice della terra.

Ma non lo sono. So che cosa mi aspetta e comincio di nuovo a pensare: Perché non è divertente? Com'è possibile che non mi stia divertendo?... Ma prima di spingermi fino a quel punto tiro il freno e no... non pensare!

Qualcuno mi chiama allo sportello e mi chiede che cosa ho mangiato a colazione e quante ore ho dormito. Date le risposte giuste, mi dicono di rimettermi a sedere e che sarò il prossimo.

Siedo di nuovo e faccio alcuni respiri profondi, sforzandomi di padroneggiare emozioni e mente. Il mio auditor arriva e mi accompagna nella stanza di auditing, prendo posto e mi metto comodo. Ci sono la crema per le mani, una stufetta se mi viene freddo, un ventilatore se mi viene caldo, tutto ciò che una persona potrebbe desiderare.

L'auditor mi fa l'introduzione: "non ti sto audendo" e comincia la seduta. È per farmi capire che qualsiasi cosa dirò in seduta potrà essere usata contro di me in futuro. La Verifica di Sicurezza (Sec Check) che sto facendo è studiata per vedere se sono idoneo a cominciare il livello OT 7, Solo NOTS, che significa Dianetica della Nuova Era per Thetan Operanti. È uno dei livelli più alti di Scientology. Il "Fenomeno Finale" del livello OT 7 è riportato come: "Causa sulla Vita".

Sono su questo procedimento di confessione di tutti i miei peccati reali o immaginari da ormai 100 ore. Un centinaio di ore di pura ed estenuante tortura, dal mio punto di vista. Mi hanno chiesto infinite volte ogni possibile azione disdicevole io abbia mai commesso in vita mia... o contro Scientology. In realtà i miei crimini e azioni dannose non riempirebbero un bicchiere. Non ho mai picchiato o mutilato nessuno. Non ho mai dato fuoco a palazzi, o ammazzato nessuno. Nonostante la mancanza di crimini significativi (o anche solo di succose infrazioni minori), il mio interrogatorio sta andando avanti all'infinito.

La seduta di auditing comincia con la domanda: "Hai delle rotture di ARC?", vale a dire turbamenti recenti. L'auditor è concentrato sull'E-meter che gli darà la risposta. Ciò che dico è evidentemente di secondaria importanza rispetto a ciò che segnala l'apparecchio. Mi lancia un'occhiata e mi dice di aver visto una lettura secondo cui in realtà ho un turbamento recente.

È vero. Sono turbato (e "turbato" è solo una vaga descrizione di come mi sento davvero) dalla lunghezza del sec check. Sono turbato dal fatto che sta andando avanti da più di 100 ore. Ho acquistato 13 intensivi di auditing (ognuno di 12 ore e mezza), avevo uno sconto se ne compravo tanti in un colpo solo e li ho pagati sui 5000 dollari l'uno. Ormai ho usato quasi tutto quello che ho pagato e l'unico risultato è che mi sento incommensurabilmente peggio di quando sono arrivato. Per dirla fuori dai denti, odio questo procedimento, lo ritengo umiliante, denigratorio, soppressivo, oppressivo e sono talmente incazzato che riesco a malapena a contenere le mie emozioni.

Ma dirlo sarebbe poco intelligente. Tutti in Scientology sanno che TUTTE le lamentele, o tutte le reazioni emotive negative alla confessione, significano solo che hai ulteriori crimini da confessare.

Così mi calmo e spiego che "No, non ho una rottura di ARC". L'auditor mi chiede se qualcuno "ha detto che avevi un turbamento quando in realtà non lo avevi?" e rispondo di sì, l'hai appena fatto tu. Funziona, e l'auditor mi dice che il mio "ago è libero" (penso che il mio ago non sia libero da mesi, da quando è cominciata questa follia) e possiamo passare alla domanda successiva: "Hai un problema del tempo presente?"

Beh, dunque, vediamo... da dove cominciare? Ho il problema che ho appena preso a prestito 40.000 dollari per comprare ulteriore auditing per questa tortura... ehm... Sec Check. C'è il problema di sapere che qualcosa non va e non voglio continuare... c'è il problema che che tutti i giorni la gente mi vede, i miei amici mi chiedono come va, invidiosi che "sto per cominciare OT 7" e devo mentire, devo dire che è tutto meraviglioso e che LO ADORO. Sì, ci sono UN SACCO di problemi.

Ma sono in una versione contorta di Ricomincio da capo... rivivo continuamente la stessa giornata di merda... e alla fine ho imparato dai miei errori.

In sedute precedenti ho espresso le mie preoccupazioni, crucci e turbamenti. Ho spiegato i miei dubbi e timori... inutilmente. Con il solo risultato che discutere sinceramente la mia realtà ha solo allungato e reso più ardua questa tortura. Un giorno ho cercato di protestare con veemenza contro questa infinita scemenza di verifica di sicurezza, e me la sono presa con l'auditor e il supervisore del caso.

È stato come l'incarnazione di Ricomincio da capo quando Bill Murray rapina la banca e uccide diverse persone a Punxsutawney prima di svegliarsi il mattino dopo di nuovo, come sempre, nello stesso letto. La mia comunicazione onesta mi ha fatto solo vincere un giro dal Funzionario di Etica e parecchi incontri con quelli dei servizi tecnici. Sono stati molto chiari: se fai ancora tutto questo casino ti butteremo fuori a calci in culo, tanti baci e ... addio per sempre.

Perciò penso: No, Nessun Problema Qui! NOSSIGNORE! Con un grande sorriso, ecco guarda! Me la sgamo e si arriva alla grande domande: "Un withhold è stato mancato?" Ciò che con queste parole mi sta chiedendo è: "Hai fatto qualcosa che non vuoi che noi (o qualcun altro) scopriamo?" Altro modo per parafrasare la domanda: hai fatto qualcosa di cui non vuoi parlare? Oppure: c'è qualcosa che hai fatto, qualcosa di disdicevole che stai trattenendo, ma che in qualche modo pensi che qualcuno potrebbe conoscere o indovinare il tuo segreto?

La domanda è molto densa. L'effetto di questo tipo di domande è introvertirti, creare introversione e introspezione.

Quando sono arrivato e ho iniziato il procedimento di auditing ero in uno stato d'animo diverso. Volevo prostrarmi, confessare tutto, gettarmi alla misericordia del prete, ehm, auditor e implorare il perdono per i miei molti peccati. Sì, ero cattivo, pieno di colpe, ero/sono un peccatore...

La cosa divertente (non che ci sia nulla di davvero divertente in questa follia che incasina la mente) è che non ho mai avuto nulla da confessare!

Avevo tenuto una lezione su alcuni aspetti di Scientology (beh, in realtà migliaia di lezioni) e avevo parafrasato L. Ron Hubbard. Confesso il peccato. Mi chiedono di riferire tutti i dettagli: Dove hai commesso questo atto overt? Quando esattamente è avvenuto? In quali circostanze? Hai in qualche modo giustificato il tuo crimine? Qualcuno ha quasi scoperto il tuo misfatto? Poi: c'è un momento PRECEDENTE in cui hai commesso overt (crimini) di questo tipo? E di nuovo tutti i dettagli e di nuovo la domanda di un precedente simile. Una volta completata questa parte (e può richiedere un certo tempo) mi domandano se c'era qualche scopo malvagio o intenzione distruttiva che mi ha spinto a commettere questa azione. E dovrei localizzare episodi accaduti in vite precedenti, momenti in cui ero schiacciato come essere e ho in qualche modo adottato qualche scopo distruttivo o insano che, accompagnandomi in questa vita, mi ha spinto a commettere questi crimini orribili contro Scientology.

Mentre scrivo questo paragrafo, 15 anni dopo quella seduta, mi fermo a riflettere su quanto ho appena scritto. Sussulto alla follia di tutto quanto e rido di gusto. Mi si riempiono gli occhi di lacrime, non di dolore, ma di sollievo. Me ne sono liberato per sempre.

Ma sto divagando. Di nuovo in seduta!

Successe che in qualche modo si scoprì che uno dei miei crimini maggiori era stato l'aver "permesso" a molte persone che parteciparono alle mie conferenze di registrarle, o in audio o in video. In Russia, dove ero stato gli ultimi 5 anni, avevo visitato praticamente tutte le regioni e le città, tenendo conferenze a molte migliaia di persone. Il fatto che chiunque potesse registrare era totalmente inammissibile. Il Funzionario di Etica (anche noto come Capo-Ufficiale della Soppressione) era sbigottito che avessi potuto commettere un tale efferato crimine.

In Scientology, LRH è la Sorgente e l'entità divina che ha creato tutto ciò che di buono esiste al mondo. E se una piccola, viscida nullità come me avesse per esempio l'ardire di lasciare che la gente registri le sue conferenze, allora ciò che starebbe in verità cercando di fare è soppiantare LRH e diventare lui stesso la Sorgente. In sostanza, cercavo di fingere di essere migliore di LRH (o almeno un suo pari). Qualcuno negli uffici dirigenziali Scientology aveva fatto rapporto su questa cosa, aggiungendo che in Russia i nastri audio/video delle mie conferenze venivano scambiati, forse anche venduti.

Wow! Fatela decantare. La portata dei miei crimini, intendo. Ero andato in Russia e l'avevo girata per 5 anni (a mie spese), avevo visitato tutte le missioni, grandi e piccole, avevo aiutato ad addestrare il personale e illuminato il pubblico su Scientology e Dianetics. Avevo creato TIR interi di "buona volontà" e sollevato moltissimo interesse per il Ponte, avevo guidato molte persone verso l'organizzazione per acquistare altri corsi e libri Scientology. Per i miei sforzi avevo ricevuto un casino di premi ed ero stato riconosciuto come parte della fantastica espansione della Chiesa in Russia. [Porter ha anche ricevuto una "Medaglia per la Libertà" della IAS NdT]

Ma aver lasciato che qualcuno registrasse le mie conferenze... e averle poi vendute!! Il "Rapporto per Conoscenza" sul mio "crimine" traboccava di generalizzazioni e mi dipingeva come fossi una qualche influenza distruttiva. Non avevo idea che le conferenze fossero state vendute e non avevo avuto nessuna parte nella faccenda. Ma invece che dirmi: «Andy, hai fatto un ottimo lavoro laggiù, well done! Ma facci un favore... la prossima volta non permettere che la gente registri le tue conferenze, ok?». No, niente affatto. Dovevo MANEGGIARE il mio overt e occuparmi degli effetti negativi che avevo diffuso.

Mi dissero che dovevo contattare tutte le missioni e i gruppi che avevo visitato in Russia e nelle repubbliche che costituivano l'ex Unione Sovietica (11 fusi orari...) e assicurarmi che tutti quelli che avevano registrato le mie conferenze fossero chiamati e costretti a cancellare ogni singolo nastro.

Questo compito stupido e ridicolo fu reso ancora più complicato dal fatto che, anche se parlo un po' di russo, non è che mi faccia capire perfettamente. Così dovetti telefonare a tutte le missioni, trovare qualcuno che parlasse inglese e convincerlo dell'importanza vitale (è una situazione relativa alla nostra Sicurezza Nazionale, sono in ballo le vostre vite e innumerevoli altre!) di costringere tutto il pubblico a cancellare i nastri.

Per chiamare tutte e 80 missioni le russe impiegai settimane. La parte più difficile fu cercare di spiegare a tutti laggiù PERCHE' esattamente fosse importante. È indubbio che questa azione, da sola, creò "cattiva volontà" e inimicizia per la Chiesa.

Questa colossale perdita di tempo e denaro mi lasciò in una condizione peggiore di quando avevo iniziato. Alla fine il Funzionario di Etica diede la sua approvazione al fatto che avevo obbedito e che tutti i nastri erano stati distrutti. La mia Mission Impossible era finita e ora potevo fare rapporto per richiedere ulteriore auditing... ehm... verifiche di sicurezza... ehm... tortura.

Tutti i giorni di prima mattina andavo in seduta e sopportavo ulteriori inquisizioni. L'auditor mi guardava a disagio e cercava di sorridermi, mi faceva le domande della verifica di sicurezza e osservava l'E-meter. Il motivo dell'infelicità dell'auditor era probabilmente dovuta al fatto che tutta la seduta veniva videoregistrata. Tutto ciò che veniva detto in seduta, sia da me sia dall'auditor, e ogni annotazione presa sui fogli di lavoro e ogni movimento della lancetta dell'E-meter veniva scrutinato, piombavano su ogni minima imperfezione e ogni errore... beh, alla fine mica vuoi fare errori! Forse è per questo che gli auditor che mi audirono sembravano tutti spaventati, nervosi, infelici. Nessuno di loro fu amichevole o appassionato in quel che faceva. Sembravano INCOLLATI all'E-meter, lo osservavano concentrati così da non perdere nessun possibile indicatore dei miei crimini o intenzioni malvagie che magari aleggiava lì accanto, fuori vista.

A me sembrava che la cosa dovesse andar via spedita. Non avevo fatto molto in termini di violare le leggi di Scientology o dell'Umanità. E quando mi facevano le domande, rispondevo "No". Ma molto spesso le mie risposte non venivano accettate. L'auditor, osservando qualche movimento della lancetta dell'E-meter, diceva "Okay, diamoci un'occhiata". E io scavano nei recessi delle mie paure e, mentre scansionavo il vuoto, all'improvviso l'auditor diceva: "Lì!", oppure "Quello!". E dovevo riferirgli a che cosa stessi pensando in quel preciso momento. L'idea era che stessi nascondendo i miei crimini, o forse li avevo repressi in via subliminale e con l'aiuto dell'auditor e dell'E-meter avrei potuto scoprirli e liberarmi.

Questa fu la parte che più di tutte incasina la mente. Di che cosa hai paura? Voglio dire tu, tu che mi stai leggendo in questo momento, fa' una pausa, cerca e chiediti:
Quali sono i tuoi pensieri più oscuri? Quali sono i tuoi dubbi? Che cosa hai fatto di cui vergognarti? Che cosa ti imbarazza? Di che cosa non vorresti parlare?
Percepisci l'oscurità dell'abisso?
Lì... che cosa è quello ... quel pensiero PROPRIO LI'???

Quei pensieri e azioni vengono quindi tirati fuori, con riluttanza, come estrarre denti che uno "confessa". E visto che non avevo fatto nulla di meritevole di confessione, la mia mente cominciò a inventarsi dei crimini dal nulla. Sì, mi ero masturbato. Mi sentii un po' a disagio nel descrivere i dettagli e sì, avevo guardato delle foto di donne nude... ma che cosa aveva a che fare con la verifica di sicurezza? In che modo quelle cose costituivano un crimine? Che cosa cazzo c'entrava il mio farmi le seghe con la liberazione, l'essere un Thetan Operante o salvare la terra?

So che sembra assurdo, oggi rido all'assurdità di pagare quasi 500 dollari l'ora per essere costretto a "confessare" i momenti in cui mi sono toccato l'uccello. Che cazzo c'entra? Molti, se non tutti voi che state leggendo, starete molto probabilmente pensando che per essermi sottoposto a tutta questa follia devo essere un idiota plagiato. E magari avete pure ragione.

Benvenuti nel mondo dei Livelli Superiori di Scientology! Oh, e c'è una cosa che non vi ho ancora detto. Se riuscite a "salire" su OT 7, allora dovrete cominciare ad audirvi da soli a casa, e tornare a Flag ogni sei mesi per sottoporvi a ulteriori verifiche di sicurezza!

Il risultato è una confusione totale. È come essere portati sul ciglio del baratro della follia. Che cosa è giusto? Che cosa è sbagliato? Sono cattivo? Ma non ho fatto nulla di male. Ma allora perché è saltato fuori in seduta? Perché c'è una lettura sull'E-meter?

Mi sento come una pallina da ping-pong che rimbalza a velocità fantastica tra due racchette. Voglio andarmene, ma non posso andarmene. Lo odio, ma non posso odiarlo. È tutta una scemenza, no sei tu che hai incasinato tutto. Lo odio, no, dovresti divertirti. È una prigione, no, ti stai liberando.

E si va avanti, un'ora dopo l'altra (mi pare quasi di vedere una clessidra sul tavolo, la sabbia che scende e mi dice quanto sto spendendo), un giorno dopo l'altro. E sono passate settimane, mesi.

E poi gli interrogatori sono finiti. Non ci sono più domande della "Verifica di Sicurezza" da farmi. Ma non è la fine, no di sicuro. Il gradino successivo è andare dal Funzionario di Etica e "maneggiare" tutti i miei crimini e misfatti, così da poter essere idoneo per il Livello Superiore di OT 7!

Il giorno dopo arrivo nell'Ufficio di Etica e aspetto. Di fatto aspetto tutto il giorno, sto seduto lì e la mia mente corre ovunque. Pianificazione: come me la giocherò? Devo mostrarmi contrito o polemico? Il mio umore saltella. Attendo un altro giorno. Poi un altro. Alla fine riesco a incontrare l'Ufficiale di Etica. Mi accompagna nel suo camerino, come in Matrix: «Beh Sig. Anderson, sembra che lei abbia commesso dei crimini molto gravi... » Ed è così che comincia. Il Funzionario di Etica è un adolescente che ha trascorso in Sea Org quasi tutta la vita. Mostra poca compassione o cordialità. Il suo atteggiamento è serio, quelli che «non ho tempo da perdere». Mi chiarisce subito che ho commesso delle cose estremamente gravi e che uscirne NON sarà facile.

L'avevo già incontrato alcuni mesi prima per "maneggiare" il "ciclo" delle conferenze registrate. Ma adesso ho confessato altri crimini e devo farci i conti.

Ciò che vogliono è che mi mostri contrito, che manifesti rimorso e abbia una "cognition" che le mie azioni sono state dannose per Scientology. Dovrei rendermi conto che tutto ciò che si fa e che fa sembrare cattiva la Chiesa è un male.

Se arriva qualcuno con un punto di vista diverso viene tartassato fino allo sfinimento. Devi sentirti spezzato e contrito per poter accedere al passo successivo, l'ammenda. Il che significa dover chiedere perdono e fare cose che dimostrino che sei una brava persona e che sei sulla stessa barca del resto di noi, vivere o morire nel tentativo, un membro fidato della squadra.

Cerco di spiegare che sono già qui, dedicato alla Causa: sono stato uno staff di Scientology per quasi vent'anni di fila, ho lavorato molto attivamente e per un tozzo di pane per la Chiesa, ho aiutato la sua espansione in tutto il mondo...

Mi dicono che NON è sufficiente e che devo rimediare al danno. Devo fare un progetto di ammenda. L'ideale sarebbe che... rullo di tamburi... facessi una donazione! Se elargisco quattrini a qualche entità Scientology come pura donazione, allora servirà MOLTO a dimostrare che sono del gruppo.

Parlo per un po' con il Funzionario di Etica, analizzo i miei crimini e cerco di fargli capire che questi "crimini" sono niente, che ho già contribuito molto al gruppo. Gli dico che dal mio punto di vista non c'è niente da "maneggiare". Scuote la testa: no, non esiste. Mi accaloro. Gli spiego che il libro di etica di L. Ron Hubbard tiene divise etica e giustizia. Etica viene definita come ciò che l'individuo fa a/su se stesso, e Giustizia sono le azioni che il gruppo intraprende dopo che l'individuo ha dimostrato di essere incapace di "mantenere in" la sua etica. Sostengo che lui sta cercando di applicare su di me un qualche cavolo di codice di condotta, che è un imbastardimento della Tech di Ron e che è fuori binario. Gli dico poi che come OT I non ho bisogno di lui, o di questa folle verifica di sicurezza per scovare tutte le volte in cui ho parafrasato una citazione di LRH o mi sono toccato l'uccello, o qualsiasi altra cosa. Proseguo facendogli presente che quelle azioni non sono andate a mio detrimento o a quello della Chiesa, e che non concordo di aver bisogno di "rimediare a tutti i danni fatti con la commissione di quei crimini".

Il mio soliloquio non sortisce l'effetto sperato. Lui si arrabbia molto e mi rende noto che adesso sono ancora più nella merda. Mi manda a ri-ri-ri-studiare il libro di etica e a scrivere ulteriori mie trasgressioni. E se non funziona, sarò rimandato in seduta per altre verifiche di sicurezza (a mie spese).

Torno nella sala d'attesa e mi siedo. Che fare? Voglio solo andarmene da questo manicomio. Mi passano per la mente idee più distruttive (idee VERAMENTE distruttive, come dar fuoco a questo fottuto posto e raderlo al suolo) e sorrido tra me. Poi mi guardo velocemente intorno per assicurarmi che nessuno mi veda sorridere, non vorrei mai che indovinassero a cosa sto pensando.

Faccio l'inventario: la mia vita è totalmente avvolta e immersa nella Chiesa. Da 20 anni dedico la vita al Chiarimento del Pianeta. Tutti i miei amici più cari sono "in" Scientology. Una parte di me vuole veramente alzare i tacchi. Ma non posso farlo. Mi sono chiesto perché molte volte. Mi sento in dovere. Mantengo la speranza che le cose possano migliorare. Mi sono divertito a tenere conferenze e a diffondere la Tecnologia di Scientology. In passato ho avuto guadagni e miglioramenti dall'auditing ricevuto e dai corsi Scientology. Sono parte di un gruppo. E allo stesso tempo sono addestrato a pensare che il mio scontento deriva unicamente dal fatto che sono uno stronzo. Non è la Chiesa a perdere i pezzi, sono io. Deve esserci in me qualche deficienza, qualche marciume profondamente radicato dentro di me che sta provocando questo mio desiderio di andarmene.

Esco all'aperto e vedo un bel tramonto. Incontro la mia ragazza, è felice perché ha fatto una passeggiata lungo la spiaggia e oggi ha visto qualche lamantino. La vita non fa tutta schifo...

Allora decido di fare il giro di giostra dell'auto-umiliazione e auto-svalutazione e di "finire il ciclo". Il giorno dopo torno e leggo il libro. Cerco veramente di essere un bravo soldatino e penso a quanto sono stato cattivo. Metto per iscritto i pensieri e i sentimenti giusti e li consegno al Funzionario di Etica.

Dopo la mia ultima filippica, ora non è molto convinto che abbia visto la luce. Devo strisciare e umiliarmi per convincerlo che non sto fingendo. Ulteriore umiliazione.

A un certo punto devo scrivere un intero romanzo con i dettagli delle brutte cose che ho fatto, l'aver realizzato che sono stato cattivo, una nuova dichiarazione su chi sono VERAMENTE i miei amici (gli scientologist in regola) e che devo rimediare al danno che ho fatto, poi chiedere di essere accettato di nuovo nel gruppo.

Alla fine, dopo alcune settimane, riesco a fare anche questo. Il Funzionario di Etica approva. È orgoglioso di me. Sono riuscito a ingraziarmelo dicendo le cose giuste.

Adesso mi manda a far leggere la mia storia ad altre persone e a chiedere di essere riaccettato nel gruppo. Avvicino uno della base e gli chiedo di dare un'occhiata alla mia Formula di Rischio. Bisogna farlo in modo gentile e contrito.

La gente legge e mette la firma nella colonna "approvato" o "respinto". Per terminare devo avere la maggioranza delle firme nella prima colonna. Qui ci sono decine di altre povere vittime che, come me, subiscono lo stesso procedimento di confessione, purificazione e redenzione. Non ci parliamo mai, ognuno di noi è solo nel suo inferno privato. Ognuno di noi non vuole comunicare i propri sentimenti su questa scemenza, per timore che l'altro ci rimproveri e allunghi il processo.

Impiego una settimana solo per questo gradino. In quel periodo mi si chiede anche di leggere altre "formule di rischio". Sono sempre curioso di vedere quali cose "malvagie" si pensa abbiano fatto e che cosa hanno fatto per rimediare al danno.

Sono sorpreso (anche se non dovrei) che nessuno abbia commesso dei "crimini" peggiori dei miei. Qui tutti stanno confessando cose e facendo ammenda per... niente!

Poi la verità finalmente mi travolge: tutto questo procedimento di verifiche di sicurezza e di controllo se si è idonei per i Livelli OT è solo e soltanto un grosso racket estorsivo. È uno schema davvero perfetto. Il procedimento consiste nel farti sentire colpevole per cose che hai fatto e che non sono in alcun modo dei crimini, non sono nemmeno delle azioni dannose. Per nessuno.

E quella sola cosa, da sola far sentire la gente in colpa per niente beh, QUELLO sì e un VERO crimine. Incasinano la realtà delle persone, il loro senso di giusto e sbagliato, solo per fare quattrini. Poi mi colpisce il livello successivo dell'imbroglio: tutto ruota attorno al controllo delle persone. La minaccia di non poter FARE i Livelli OT, il timore di perdere famiglia e amici, o la tua fonte di reddito, sono questi gli strumenti del mestiere di chi fa verifiche di sicurezza e del funzionario di etica.

Poi la realizzazione finale si fa largo nella mia mente: Hubbard ha scritto parecchi bollettini in cui descrive come psicologi e psichiatri abbiano tramato per intrappolare gli esseri, per introvertire malvagiamente le persone e farle essere inattive e "morte". Ed ecco la Chiesa di Scientology, la Flag Land Base, la Mecca di Scientology che fa esattamente le stesse cose ai suoi seguaci di livello più alto: li sminuisce, li introverte e li intrappola.

In una conferenza L. Ron Hubbard disse che dovete stare attenti a ciò per cui lottate, perché diventerete ciò a cui opponete resistenza, e poi aggiunge: se perdete.

Ecco qui: Scientology, con tutti i suoi vanagloriosi propositi di Liberare Esseri e Creare una Nuova Civiltà, è diventata ciò che combatteva, ed è ora nel business dell'intrappolamento degli esseri con una camicia di forza fatta di paura, controllo mentale e disperazione.

Rido tra me: ho raggiunto il "Fenomeno Finale" del Livello!

Perciò, quanto realizzai durante la mia permanenza di 5 mesi a Flag all'inizio del 2000 fu di aver usato 13 intensivi di auditing per guadagnare l'autorizzazione a cominciare il livello OT 7. E quando alla fine fui ritenuto idoneo, decisi che non volevo più cominciare il livello, ma volevo invece andarmene.

Avevo finito i soldi (in verità, avevo fatto dei debiti) e dichiarai che adesso ero privo di mezzi per restare, dovevo tornare al lavoro. Mi fecero fortissime pressioni per restare e iniziare OT 7 ("Ci sei COSI' vicino..."), ma insistetti e alla fine mi diedero semaforo verde per partire. Ricordo la sfida finale del "modulo di uscita" fatto di interviste e verifiche all'E-meter che dovetti superare: avevo questo formulario con elencate le specifiche persone che dovevano firmare l'autorizzazione a farmi partire. Andai da tutti, attento a dir sempre la cosa giusta, spiegando perché dovevo tornare al lavoro e portare altre persone in Scientology, risparmiare a sufficienza e tornare presto per una nuova idoneità e verifica di sicurezza (se me ne fossi andato per tornare in un secondo momento e cominciare OT 7, avrei dovuto rifare tutto da capo!) Mi dissi dispiaciutissimo di dover partire.

Alla fine completai il modulo fino all'ultimo gradino, quello in cui dovevo incontrare qualcuno che mi avrebbe fatto una intervista all'E-meter. Mi chiese se ero stato contento della mia permanenza a Flag. Sudavo freddo, terrorizzato all'idea che qualcuno scoprisse il mio inganno e mi portasse in un'altra stanza di auditing per ulteriori interrogatori. Cercai di concentrare l'attenzione sull'essere molto, molto lontano da quel posto e libero da quell'ambiente. Il mio piano funzionò, l'ago era libero, probabilmente per la prima volta dal mio arrivo.

Ero libero di andare.

Lasciai il palazzo di corsa, guardandomi più volte alle spalle per vedere se qualcuno mi stava seguendo.

Il lavoro di ricerca e traduzione di questi articoli è volontario. Contribuisci a difendere questo sito e il suo importante ruolo informativo offrendo una pizza a chi ha lavorato anche per te.

Post Scriptum: Sono seduto qui alla tastiera e rifletto sul perché mi ci è voluto così tanto tempo per raccontare questa storia nei suoi vergognosi dettagli, che cosa mi ha spinto a tacere per 15 anni. Le risposte sono molteplici. Una è che tutta la storia è imbarazzante. Nessuno vuole ammettere di essere stato imbrogliato. E c'era questo persistente timore di rappresaglia. Che qualcuno me l'avrebbe fatta pagare.

Ma ci sono stati due cambiamenti: uno è che proprio il mese scorso ho troncato finalmente tutti gli ultimi fili sottili che mi collegavano alla Chiesa. Infatti lavoravo con una persona ancora nella Chiesa e non volevo renderle ancora più difficile la vita.

Il secondo è che la settimana scorsa ho visto una intervista agli autori del nuovo film della HBO su Scientology, Going Clear: Scientology and the Prison of Fear che uscirà alla fine del mese. Venivano intervistati Mike Rinder e Paul Haggis, Alex Gibney e Lawrence Wright (tutte Persone Soppressive all'ennesima potenza), e ridevano. Ho capito che non mi era rimasto più nulla da temere. È scattato qualcosa, mi sono liberato della carica, un qualche "7 premuto" si è sbloccato e mi sono sentito finalmente libero.
È una bella sensazione

Andy


Che fine hanno fatto i vincitori della Medaglia della Libertà della IAS?

© di Mike Rinder, 26 febbraio 2014. © Traduzione di Simonetta Po.

Tutti gli anni Miscavige conferisce la Medaglia alla Libertà IAS a chi ha "eradicato la psichiatria" o "portato la pace" a "intere nazioni" grazie ai suoi "incessanti sforzi" per far conoscere e applicare la tech di LRH e distribuire La Via della Felicità, "influenza calmante" sulla società.

Basta però osservare il mondo reale per rendersi conto di quanto artificiosi siano questi "risultati".

Nel 2005 Miscavige elogiò (simultaneamente) i membri dedicati della IAS per il lavoro svolto in Venezuela e Ucraina. Se date un'occhiata ai giornali vedrete che entrambe le nazioni stanno vivendo imponenti sconvolgimenti interni e disordini civili.

Se tornate indietro e guardate i video o leggete i numeri di Impact dell'epoca, da quelle roboanti descrizioni non potrete che desumere che quei "Vincitori della Medaglia" hanno cambiato da soli le condizioni dei loro paesi e portato pace e un futuro luminoso.

Ecco un paio di estratti dalla rivista Impact che li citano. Non ho proprio voglia di andarmi a riguardare l'event, che sono sicuro è molto più esagerato del paragrafo riportato nella rivista:

In un momento cruciale della storia dell'Ucraina, con oltre mezzo milione di persone che protestano per le strade contro elezioni truccate e la negazione del diritto democratico a un governo della e per la gente, i membri della IAS Valery Kokura e Anatoly Tretiak hanno applicato la tecnologia di LRH e portato la calma e una maggior consapevolezza sui diritti umani. Gli effetti positivi sono stati considerevoli...

Usando La Via della Felicità, Audrey Cabrera e Ruddy Rodriguez sono stati determinanti nel disinnescare una situazione nazionale potenzialmente catastrofica in Venezuela. Si sono mossi repentinamente per portare La Via della Felicità a entrambe le parti del conflitto, facendo sì che i suoi 21 precetti fossero un punto di accordo comune... Audrey Cabrera e Ruddy Rodriguez hanno dato al popolo del loro paese una nuova strada per la pace.

Il punto non è se ciò che hanno fatto è stato buono, cattivo, adeguato o insufficiente, quanto piuttosto quel che è stato DETTO al fine di creare la falsa impressione che le "azioni sponsorizzate dalla IAS" stanno cambiando il mondo.

Tutti gli anni viene premiata una qualche "crociata anti-psichiatrica" e Miscavige spiega in dettaglio come la psichiatria è stata eliminata/annientata/distrutta/schiacciata/mandata a gambe all'aria/sterminata ecc.. Questo è "provato" e la "efficacia della IAS" è dimostrata con grande ostentazione dal numero di "psych incarcerati quest'anno". In realtà, tutto si riduce a qualche addetto del CCHR/CCDU che fa ricerche su Google per scoprire se qualche psichiatra è finito in carcere, e poi Miscavige annuncia che c'è stata una "imponente presentazione della nostra campagna per annientare la psichiatria" (una menzogna) e che "ne stiamo vedendo i risultati" (un'altra menzogna), e "come conseguenza del vostro sostegno alla IAS" (ulteriori menzogne) "tot psichiatri sono stati messi in galera negli ultimi 12 mesi e hanno buttato via la chiave!". Forse davvero quel tot di psichiatri sono finiti in carcere, ma il CCHR/CCDU non c'entra niente e sicuramente c'entra ancor meno la IAS.

Questo è il modo in cui funziona il mondo delle PR di RCS [Scientology].

Non dubito che Audrey Cabrera e Ruddy Rodriguez abbiamo distribuito qualche Via della felicità in Venezuela. O che Valery Kokura e Anatoly Tretiak abbiano usato un po' di tech di Ron in Ucraina. Ma non c'è correlazione diretta tra le loro azioni e il risultato vantato.

Provate a pensarci: se ci FOSSE una correlazione, allora qualcuno dovrebbe strappargli di dosso le Medaglie della Libertà, perché hanno smesso di fare quel che facevano e stanno permettendo ai loro paesi di regredire nel caos e nella violenza.

Ci sono solo due spiegazioni possibili:
1) Hanno smesso le loro azioni dopo aver ottenuto la medaglia (un po' come se un Nobel per la pace mandasse all'aria il suo lavoro una volta ottenuto il premio...);
2) Le loro azioni non hanno portato pace e diritti umani in Venezuela e Ucraina;
O entrambe.

Brutte notizie comunque.

E fin che siamo in argomento: molti vecchi vincitori della Medaglia alla Libertà della IAS sono scomparsi di scena Ann Roberts, Dennis Dubin, Joan Lonstein, Nicky Hopkins, Isaac Hayes, Lawrence Anthony, e forse qualche altro che non ricordo è morto.

Jane Allen si è ammalata gravemente come anche anche Dennis Clark, e l'ultima volta che ho avuto sue notizie stava cercando di mettersi in contatto con tutti (me compreso) per chiedere aiuto, perché era stato abbandonato sia dalla Chiesa sia dalla IAS.

Wendi Honnor ha lasciato pubblicamente la Chiesa. Joy Westrum non è più attiva. Rick Pendery, uguale.

Peter Schless e Rena Weinberg sono richiusi nel Buco.

Augie Pinto è l'unica persona a cui sia mai stata strappata la medaglia dal Capitano David Miscavige in persona, nell'atrio di un hotel di Losanna.

Altri sono missing in action Don Moore? Julia Migenes? Gabriele Segalla? [ancora attivo in Scientology, almeno nel 2011 NdT] Keith Code? Martha Ballesteros? Javier Ramirez? Boris Levitsky? Bud Riechel? Felice Cantù? [morto nel 2008 quando era Direttore Esecutivo del Narconon NdT] Rohn Walker? Paul Rood? Michel Raoust? E probabilmente un sacco d'altri di cui non ricordo il nome.

Sembrerebbe che se l'iperbole che ha accompagnato i traguardi di questi "Vincitori della Medaglia della Libertà" fosse vera, al giorno d'oggi nel mondo reale avremmo qualche prova del loro impatto. Con questo intendo un qualche tipo di resoconto mediatico o delle Nazioni Unite, studi accademici o QUALSIASI COSA su come il problema della droga è stato risolto nelle prigioni di Messico e Colombia, la pace portata in Congo o in Pakistan, o la "tech di studio" ha cambiato Papua Nuova Guinea e Gambia, oppure come gli "psych" sono stati schiacciati in Francia, Russia e Italia, o il Criminon viene adesso usato in tutte le prigioni con eccelsi risultati in Sud Africa, Israele, ecc.

Il lavoro di ricerca e traduzione di questi articoli è volontario. Contribuisci a difendere questo sito e il suo importante ruolo informativo offrendo una pizza a chi ha lavorato anche per te.

La verità è che i traguardi di queste persone spesso benintenzionate (per non parlare dei Michael Roberts e Jeff Pomerantz) sono così roboanti e fuori proporzione che molti scivolano nel tramonto perché non riescono a vivere all'altezza dell'irrealtà dell'immagine che di loro è stata presentata nel mondo Scientology. Sono imbarazzati. E senza dubbio una volta che il "grande sprint" è finito nei fatti distorti di quel mondo, il meglio che possono fare è tornare a quello che stavano facendo prima, e che non ha mai avuto molto impatto su nulla.

La dura realtà è che la Chiesa/IAS/scientologist NON sono impegnati in nessun "salvataggio planetario" o "cambiamento delle condizioni della quarta dinamica", o nel "chiarimento del pianeta". Vivono in una bolla di irrealtà. E la SOLA fonte di informazione sui loro incredibili traguardi è quella che viene loro servita nei raduni interni di Miscavige.

Fa meraviglia che a questi event siano banditi telecamere, smartphone e chiunque non possa esibire un cartellino d'identità emesso da OSA, completo di foto?

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non è consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it